BILANCIO SOCIALE obbligatorio?

Niente panico, grazie alla partnership con Eticae stewardship in action possiamo offrirti il tuo bilancio sociale chiavi in mano.

MADI si occuperà dell’impaginazione e design grafico ed Eticae della redazione tecnica dei contenuti per darti un prodotto completo, professionale e di alto livello.

Compila il questionario, riceverai il check up gratuito e l’offerta economica per realizzare il tuo bilancio sociale completo.

Non temere non ci sono vincoli o obblighi se compili il questionario,
è solo un modo per farti capire come lavoriamo
e che tipo di consulenza possiamo offrirti.

Con l’approvazione del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali “Adozione delle Linee guida per la redazione del bilancio sociale degli enti del Terzo settore” del 4 luglio, pubblicato il 9 agosto 2019, è stata ufficializzata l’obbligatorietà di redazione di report non finanziari per le organizzazioni del Terzo settore.

CHI È OBBLIGATO A REDIGERE IL BILANCIO SOCIALE?

Sono tenuti a redigere e pubblicare OBBLIGATORIAMENTE il Bilancio Sociale:

  • gli enti del Terzo Settore con ricavi superiori ad 1 milione di euro (art. 14, comma 1 decreto legislativo n. 117/2017);
  • i centri di servizio per il volontariato (art. 61, comma 1, lettera l, decreto legislativo n. 117/2017);
  • le imprese sociali (art. 9, comma 2, decreto legislativo n. 112/2017), ivi comprese le cooperative sociali;
  • i gruppi di imprese sociali, con l’obbligo di redazione in forma consolidata.

Oltre a queste organizzazioni sono tenute anche:

  • le imprese di interesse pubblico che hanno avuto, in media, durante l’esercizio finanziario, un numero di dipendenti superiore a 500 e, alla data di chiusura del bilancio, abbiano superato almeno uno dei due seguenti limiti dimensionali: totale dello stato patrimoniale: 20.000.000 di euro; totale dei ricavi netti delle vendite e delle prestazioni: 40.000.000 di euro.

 

TEMPI DI REALIZZAZIONE E DI PUBBLICAZIONE

Come previsto dalle “Linee Guida per la redazione del bilancio sociale degli enti del Terzo Settore”, il bilancio sociale dovrà essere pubblicato dagli enti del terzo nel 2021 e sarà relativo alle attività svolte nel 2020.

Il Bilancio Sociale dovrà essere approvato dall’organo competente da statuto, dopo essere stato esaminato dall’organo di controllo che lo integra con le informazioni sul monitoraggio e l’attestazione di conformità alle linee guida.

Quali i tempi di realizzazione e pubblicazione?

Immaginiamo ad esempio, che a realizzare il bilancio sociale sia una cooperativa:

  • nel periodo tra gennaio ed aprile provvederà alla realizzazione del documento;
  • il Bilancio sociale dovrà essere pronto indicativamente per il mese di marzo/aprile così da poter essere esaminato dal Consiglio di Amministrazione (l’organo di controllo);
  • nel mese di maggio o giugno (mese nel quale generalmente si riunisce l’assemblea dei soci) il bilancio sociale dovrà essere approvato dall’organo statutariamente competente;

Le tempistiche illustrate sono indicative e sempre da concordare con l’organizzazione. Tuttavia, al fine di non trovarsi impreparati è bene avviare i percorsi di redazione del bilancio sociale tra entro e non oltre il mese di gennaio così da avere il tempo necessario per la raccolta dati e loro elaborazione.